Chiesa dell’Arcangelo Gabriele

Chiesa dell'Arcangelo

A Nazaret vi è un altro santuario, legato alla tradizione orientale e dedicato all’Arcangelo Gabriele. In esso viene fatta memoria del primo annuncio dell’Arcangelo alla Vergine, avvenuto presso una fonte. Tale tradizione, che trae origine dal Protovangelo di Giacomo, iniziò a diffondersi a partire dal II sec.

Si ha testimonianza di una chiesa costruita in questo luogo soltanto a partire dall’epoca crociata (XII sec.). Ma è possibile pensare a un precedente santuario costruito già in epoca bizantina.

L’attuale luogo di culto, proprietà della comunità Greco-Ortodossa, fu edificato nel 1750 da alcuni monaci, sulle rovine del Santuario crociato distrutto dai musulmani. Nel 1767, venne collocata nel presbiterio l’iconostasi lignea, con pregevoli icone della scuola di Gerusalemme.

Nel secolo scorso, tra il 1977 e il 1978, due artisti rumeni ornarono le pareti del santuario con scene bibliche.

Attraversando la chiesa si accede a una cripta, in fondo alla quale sgorga l’acqua della fonte. Le pareti della cripta sono decorate con quattro archetti trilobati e rivestiti con marmo e smalto. Una nicchia a lato dell’altare conserva la sorgente che sgorga direttamente dalla roccia.

Storia del Luogo